sabato, Giugno 15

Bavaglio intercettazioni, Fnsi: «No al buio su informazione e democrazia»

0
Flash mob in apertura del Consiglio nazionale, martedì 4 luglio 2023, per denunciare il rischio che il giro di vite voluto dal governo Meloni si trasformi in un ulteriore limite al diritto di cronaca e, dunque, al diritto dei cittadini ad essere informati.

La stretta alla diffusione delle intercettazioni approvata dal governo Meloni pone un ulteriore bavaglio alla libertà di stampa. Notizie di pubblico interesse rischiano di essere oscurate. Il diritto dei cittadini ad essere informati è in pericolo.

È l’allarme lanciato dal Consiglio nazionale della Fnsi, riunito a Roma martedì 4 luglio 2023, i cui lavori si sono aperti con un flash mob per denunciare il rischio che il giro di vite sulla pubblicazione delle intercettazioni si trasformi in un ulteriore bavaglio all’informazione, facendo calare il buio sulla democrazia.

A luci spente, in sala è stato proiettato un breve video con alcuni esempi delle notizie che i cittadini potrebbero non conoscere più. A squarciare l’oscurità le luci degli smartphone dei consiglieri nazionali Fnsi: un gesto simbolico della volontà di opporsi a norme che danneggerebbero il diritto/dovere di cronaca.

Quindi, tutte e tutti in piedi, con in mano un cartello nero, a richiamare il buio, ma anche le pagine oscurate dei giornali. Infine, le testimonianze di alcune croniste e cronisti, fra cui la giornalista di Repubblica, Liana Milella.

MULTIMEDIA
Di seguito il video “Il buio sulla democrazia” proiettato in apertura dei lavori del Consiglio nazionale Fnsi.

Pin It on Pinterest