giovedì, Luglio 25

Uffici stampa, Fnsi, Asu e Regione firmano l’intesa sul contratto dei giornalisti della giunta regionale

0

Associazione Stampa Umbra e Federazione Nazionale della Stampa hanno firmato l’intesa con la Regione Umbria per il transito dal contratto giornalistico a quello di pubblico impiego per i giornalisti dell’ufficio stampa della giunta regionale, così come sancito dall’accordo Aran-Fnsi dell’aprile scorso. L’accordo garantisce a tutti i giornalisti lo stesso trattamento economico goduto in precedenza, senza intaccare diritti, mansioni, compiti e inquadramenti.

Diritti garantiti – I giornalisti manterranno, oltre ai livelli retributivi già goduti, anche i livelli funzionali e di responsabilità di cui erano titolari, a fronte di un lavoro condiviso e costruttivo intavolato dalle controparti, anche con l’interessamento dell’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria per gli aspetti deontologici.

La Fnsi – Per il segretario generale della Fnsi Raffaele Lo Russo “l’accordo sottoscritto con la Regione Umbria si inserisce nel quadro generale tracciato dall’accordo sottoscritto tra Fnsi, Aran e dalle altre organizzazioni sindacali del pubblico impiego. È fondamentale aver garantito il rispetto dei diritti acquisiti dai giornalisti degli uffici stampa, la cui funzione è fondamentale per informare i cittadini sull’attività delle istituzioni regionali. Il confronto deve continuare a livello nazionale, come a livello di singole regioni con il supporto fondamentale delle Associazioni regionali di Stampa, per rafforzare gli istituti contrattuali e garantire la piena autonomia e la necessaria agibilità delle redazioni”.

L’Asu – “Abbiamo raggiunto un obiettivo molto importante che garantisce i livelli professionali e retributivi, tenendo ferma la barra sull’accordo nazionale di aprile”, dichiara il presidente di Assostampa Umbra Massimiliano Cinque. “L’intesa – aggiunge – ribadisce la centralità dei servizi di informazione al cittadino erogati dalla pubblica amministrazione e sanciti dalla legge 150/2000 e dalle normative della professione. Diamo atto alla Regione di aver colto l’importanza di questa operazione e di aver lavorato insieme al sindacato in maniera costruttiva ed operativa”.

Maggiore presenza del sindacato in Regione – Vi è inoltre da sottolineare l’accoglimento della richiesta sindacale di una maggiore presenza del sindacato giornalisti all’interno della Regione. Nell’accordo infatti, pur tenendo conto dei limiti ancora imposti dalla normativa nazionale, si è prevista la presenza di rappresentanti dei giornalisti all’interno della Rsu, anche se in qualità di uditori e previa intesa con la Rsu stessa. “E’ un fatto di portata nazionale – sottolinea il presidente Asu – che pone l’Umbria all’avanguardia a livello italiano. Un primo passo insomma ma comunque importante verso il pieno riconoscimento del sindacato giornalisti nel pubblico impiego, nell’attesa che a livello nazionale si arrivi ad una piena legittimazione”.

Pin It on Pinterest