mercoledì, Dicembre 2

Tv locali, via libera della Camera ad un Fondo ad hoc

0

La Camera ha dato via libera ad un emendamento del governo nella legge di Stabilità che prevede l’istituzione nello stato di previsione del Mise di un “Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione”, destinando così risorse stabili all’emittenza locale.
Una notizia che incontra il favore del sindacato dei giornalisti, da tempo impegnato a chiedere a governo e parlamento risorse adeguate a riformare un settore che più di altri ha subito i colpi della crisi economica e gli stravolgimenti tecnologici degli ultimi anni.
“Una decisione positiva quella di destinare risorse stabili all’emittenza locale”, commenta il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, che però avverte: “Adesso serve un regolamento che impedisca gli abusi del passato”.
“Si tratta – prosegue Lorusso – di un provvedimento che va nella direzione più volte auspicata dal sindacato dei giornalisti, ossia quella di dare certezze, in termini di risorse, agli imprenditori che nel settore intendono ancora investire, nonostante la dura fase di recessione, puntando sulla qualità dell’informazione e assicurando occupazione stabile e regolare. Proprio in quest’ottica occorre adesso lavorare per far sì che il regolamento che fisserà i criteri di assegnazione delle risorse fra i soggetti beneficiari premi chi crea posti di lavoro veri e non fittizi, come purtroppo è avvenuto spesso negli anni passati. Da questo punto di vista, il requisito della regolarità contributiva, oggi sufficiente per accedere ai finanziamenti, non basta”.
Secondo la Fnsi, è infatti necessario che le aziende che vogliono accedere ai fondi pubblici “dimostrino di avere corretti inquadramenti contrattuali e, soprattutto, di pagare regolarmente le retribuzioni. Sarebbe grave se in quello che è un settore assistito dallo Stato si continuassero a tollerare raggiri e sotterfugi che, oltre a danneggiare i lavoratori, rappresentano una forma di concorrenza sleale nei confronti degli editori che rispettano le regole”.
Il Fondo ipotizzato nell’emendamento destina risorse “all’emittenza locale di qualità per la realizzazione di obiettivi di pubblico interesse”, e nello specifico dispone, per gli anni dal 2016 al 2018, che le eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento alla televisione siano destinate anche al finanziamento, fino ad un importo massimo di 50 milioni di euro all’anno, dell’apposito Fondo dove confluiscono anche le risorse relative ai contributi a favore delle emittenti radiotelevisive in ambito locale da ripartire con apposito regolamento emanato di concerto tra il Mise ed il Mef.
“Il sindacato dei giornalisti – dice in conclusione il segretario Lorusso – è disponibile ad un confronto con i ministeri competenti per far sì che si giunga ad un regolamento ispirato al rigore e all’assoluta trasparenza”.

Pin It on Pinterest