lunedì, Agosto 15

Riunita la Commissione per l’equo compenso

0

Si è riunita la Commissione per l’equo compenso nel lavoro giornalistico prevista dalla legge 233 del 13 dicembre 2012. La prima riunione non è avvenuta con la completezza dei suoi componenti in quanto la rappresentanza dei datori di lavoro non è stata ancora nominata. Benché la legge sia chiara e parli di “un rappresentante” – come ha sottolineato anche il Presidente della Fnsi, Giovanni Rossi – un gruppo di organizzazioni imprenditoriali ha scritto al Sottosegretario Paolo Peluffo il quale, a norma di legge, presiede la Commissione, rivendicando almeno cinque rappresentanti affinché tutti i settori siano contemporaneamente presenti (quotidiani, periodici, on line, agenzie ed emittenti radiotelevisive) (La lettera è firmata da nove organismi e cioè Fieg, Mediacoop, Uspi, File, Aeranti/Corallo, Rna, Anso, Fisc e Frt).
Il Sottosegretario ha ribadito che la legge appare chiara e che prevede un solo rappresentante per l’insieme del mondo editoriale, ma che, tuttavia, chiederà rapidamente un  parere interpretativo valutando di poterlo avere entro una quindicina di giorni. Nel frattempo, ha sottolineato Peluffo, si potrà cominciare a lavorare raccogliendo dati e valutazioni sulla situazione del lavoro autonomo giornalistico prevedendo, quanto prima, audizioni conoscitive.
Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti dei giornalisti: oltre a Rossi, i Presidenti dell’Ordine, Enzo Iacopino, e dell’Inpgi, Andrea Camporese.
Presenti anche i rappresentanti dei due Ministeri dello Sviluppo economico e del Lavoro e delle Politiche sociali.

Pin It on Pinterest