venerdì, Maggio 24

Rai, Usigrai: «La destra vuole un sindacato al servizio della maggioranza»

0
La replica dei rappresentanti sindacali ad alcune indiscrezioni di stampa: «Capiamo che un sindacato unitario è più forte nelle trattative contrattuali e spaventa chi vuole ridurre i giornalisti a giullari di corte. Ma non ci faremo intimidire, nemmeno da taluni giornalisti che si prestano a congiure di palazzo».

«A destra hanno bisogno urgente di un loro sindacato dei giornalisti. Quelli autonomi e indipendenti non vanno bene. Ce ne vuole uno al servizio della maggioranza che vuole finire di occupare la Rai, senza il fastidio di chi oggi, come ieri, chiede una riforma che liberi dall’influenza dei partiti il servizio pubblico. Chi attacca l’Usigrai vuole un sindacato al guinzaglio di chi immagina una Rai asservita ai governi di turno e ai partiti che con una mano occupano e con l’altra stritolano l’azienda sulle risorse evocando a giorni alterni l’esigenza di privatizzarla». Lo scrive l’Usigrai in una nota, dopo che si sono moltiplicate le indiscrezioni sui media sulla nascita di un sindacato di destra in Rai.

«Alla causa si prestano, con pari impegno, colleghi che dalle pagine di alcuni quotidiani, sempre gli stessi, attaccano l’Usigrai con il solo scopo dichiarato di promuovere la ricerca di qualcuno che si candidi a guidare un sindacato alternativo a quello che da 40 anni rappresenta tutti i giornalisti della Rai. Il sindacato che è riuscito a garantire percorsi trasparenti per l’accesso in Rai attraverso selezioni pubbliche che anche oggi continuiamo a chiedere; il giusto contratto per colleghe e colleghi con alle spalle decenni di precariato, le qualifiche e i livelli retributivi previsti dai contratti nazionale e aziendale; il rispetto dei diritti sindacali di lavoratrici e lavoratori», proseguono i rappresentanti sindacali.

«E l’assalto inizia con il vile tentativo di colpire Vittorio Di Trapani, attuale presidente della Fnsi ed ex segretario Usigrai, senza avere alcuna argomentazione valida – si legge ancora -. Usando la storia degli ammanchi sul conto del sindacato, che ricordiamo noi abbiamo denunciato e per cui noi siamo parte lesa. In un quadro complessivo di categoria che fa i conti con una crisi gravissima del settore, si fa fatica a capire a cosa serva un sindacato alternativo se non ad abbattere quei diritti che ancora resistono a garanzia della dignità del lavoro dei giornalisti del servizio pubblico. I giornalisti della Rai non hanno bisogno di un sindacato ‘di destra’; hanno solo bisogno di un sindacato che sia in grado rappresentarli nel confronto con l’azienda e lo hanno già; è unitario, accoglie tutte e tutti e si chiama Unione Sindacale dei giornalisti Rai, riconosciuto da tutte le associazioni regionali di stampa che ne hanno ratificato lo statuto e dalla Fnsi che le affida il ruolo di sindacato rappresentativo dei giornalisti della Rai».

«Il congresso Usigrai è aperto a tutti, non ci sono connotazioni politiche – conclude la nota -. La maggioranza va a chi viene votato non a chi ha tessere di partito. Capiamo che un sindacato unitario è più forte nelle trattative contrattuali e spaventa chi vuole ridurre i giornalisti a giullari di corte. Ma non ci faremo intimidire, nemmeno da taluni giornalisti che si prestano a congiure di palazzo».

Pin It on Pinterest