domenica, Luglio 21

Premio Daphne Caruana Galizia 2024, candidature aperte fino al 31 luglio

0
Al vincitore del riconoscimento dedicato alla giornalista maltese assassinata nel 2017 verranno assegnati 20.000 euro.

Il 3 maggio, Giornata mondiale della libertà di stampa, il Parlamento europeo ha lanciato l’invito a presentare le proposte per il Premio Daphne Caruana Galizia per il giornalismo 2024.

Daphne Caruana Galizia era una giornalista maltese, oltre che una blogger e un’attivista contro la corruzione. È stata autrice di numerose inchieste sulla corruzione, il riciclaggio di proventi illeciti, la criminalità organizzata, la compravendita di passaporti per acquisire la cittadinanza maltese e i legami del governo dell’isola con lo scandalo dei Panama Papers. È stata vittima di vessazioni e minacce, culminate nell’esplosione di una bomba nascosta nella sua auto che ha posto fine alla sua vita il 16 ottobre 2017. Il clamore e le proteste per il modo in cui le autorità competenti hanno gestito le indagini sul suo omicidio hanno portato il primo ministro Joseph Muscat a dimettersi dall’incarico. Critico sulle mancanze delle indagini, a dicembre 2019 il Parlamento ha chiesto alla Commissione europea di intervenire. Nell’ottobre 2023, a sei anni dall’uccisione, il Parlamento si è detto preoccupato per gli scarsi progressi compiuti in merito al suo assassinio.

Il premio è un riconoscimento annuale per il giornalismo d’eccellenza che promuove e difende i principi e i valori fondamentali dell’Unione europea, quali dignità umana, libertà, democrazia, uguaglianza, Stato di diritto e diritti umani.

La presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, ha commentato: «I giornalisti devono essere liberi di fare il loro lavoro. Questo è un aspetto non negoziabile. Ogni anno il Parlamento europeo rinnova il suo impegno a sostenere la libertà dei media e della stampa, in omaggio alla coraggiosa giornalista Daphne Caruana Galizia. Daphne è stata assassinata, ma il suo spirito perdura nel lavoro dei giornalisti che, come lei, difendono la verità, il pluralismo e la giustizia. Questo premio è per loro».

Possono partecipare giornalisti professionisti o team di giornalisti di qualsiasi nazionalità, presentando inchieste approfondite pubblicate o trasmesse da mezzi di comunicazione con sede in uno dei 27 Stati membri dell’Unione. L’obiettivo è promuovere e sottolineare l’importanza del giornalismo professionale nella salvaguardia della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello Stato di diritto e dei diritti umani.

I giornalisti possono presentare i loro articoli sul sito web del premio entro le 12 (ora italiana) del 31 luglio 2024.

Il vincitore verrà scelto da una giuria indipendente, composta da rappresentanti della stampa e della società civile dei 27 paesi dell’UE e da rappresentanti delle principali associazioni dei giornalisti europee. La cerimonia di premiazione si terrà, come ogni anno, intorno al 16 ottobre, anniversario dell’omicidio di Daphne Caruana Galizia.

Il premio, e i 20.000 euro assegnati al vincitore, dimostrano il sostegno del Parlamento al giornalismo investigativo e l’importanza di una stampa libera.

Pin It on Pinterest