domenica, Luglio 21

Julian Assange è libero

0

Il fondatore di WikiLeaks ha accettato un accordo con il Dipartimento di giustizia Usa secondo il quale, dichiarandosi colpevole di un reato legato alla violazione di materiale classificato americano, potrà evitare la reclusione negli Stati Uniti e tornare in Australia. Il presidente Fnsi, Vittorio di Trapani: «Vittoria di chi crede nei diritti e nelle libertà». Stampa Romana: «Mobilitarsi ovunque per il diritto di cronaca».
Julian Assange è libero. Il fondatore di WikiLeaks ha accettato di dichiararsi colpevole di un reato relativo al suo ruolo in una delle più grandi violazioni di materiale classificato americano come parte di un accordo con il Dipartimento di giustizia Usa che gli consentirà di evitare la reclusione negli Stati Uniti e di tornare in Australia.

Secondo l’accordo, i pubblici ministeri del Dipartimento di giustizia chiederanno una condanna a 62 mesi, che equivale agli oltre cinque anni che Assange ha scontato in un carcere di massima sicurezza a Londra mentre combatteva contro l’estradizione negli Stati Uniti. Il patteggiamento riconoscerebbe il tempo già trascorso dietro le sbarre, consentendo al giornalista di tornare in Australia, il suo Paese natale.

«Julian Assange libero è il risultato della straordinaria mobilitazione internazionale. È una vittoria di chi crede nei diritti e nelle libertà. Di chi crede nel giornalismo di inchiesta. Di chi crede nella libertà di stampa», commenta il presidente della Fnsi, Vittorio di Trapani.

«Resta – aggiunge – il precedente grave di una persecuzione durata anni nei confronti di chi ha semplicemente pubblicato documenti di interesse pubblico, con i quali si denunciavano crimini di guerra. Ma per fortuna ora anche i governi di tutto il mondo sanno che c’è una opinione pubblica che è pronta a mobilitarsi per anni per difendere il proprio diritto a essere informata. Noi aspettiamo Julian Assange in Italia per consegnargli la tessera del sindacato dei giornalisti, al quale, grazie al Sindacato Unitario Giornalisti Campania, lo abbiamo iscritto oltre un anno fa, insieme a oltre 20 sindacati nazionali europei dei giornalisti».

Anche per la segreteria dell’Associazione Stampa Romana la liberazione di Assange «è anche il risultato di una mobilitazione globale per i diritti umani, la libertà di informazione, la tutela del giornalismo di inchiesta». Per il sindacato regionale, «la storia di Assange conferma l’importanza di una rete di solidarietà di fronte agli abusi e alla sopraffazione da parte di quei poteri su cui l’informazione deve poter vigilare, la necessità di attivarsi contro tutte le norme che vogliono limitare, comprimere o impedire il diritto di cronaca. A cominciare da quelle già in vigore o che potrebbero essere approvate nelle prossime settimane nel nostro Paese. L’Associazione Stampa Romana è mobilitata con tutte le altre organizzazioni che vogliono salvaguardare il diritto di informare ed essere informati, l’essenza dell’articolo 21 della Costituzione».

Secondo WikiLeaks, Assange ha lasciato il Regno Unito lunedì 24 giugno 2024. Gli è stata concessa la libertà su cauzione dall’Alta corte di Londra «ed è stato rilasciato nel pomeriggio all’aeroporto di Stansted, dove si è imbarcato su un aereo», si legge in un comunicato pubblicato sull’account X dell’organizzazione.

Pin It on Pinterest